ARTICOLO TRATTO DA IL BIELLESE DI MARIA TERESA PRATO

A Ponderano, la sera di martedì 6 settembre, nella chiesa parrocchiale, la giornalista Suor Myriam Castelli ha ricordato la figura di San Giovanni Paolo II presentando il suo libro “Giovanni Paolo II Maestro e Testimone” a cura della Libreria Editrice Vaticana. Suor Myriam, nata a Soave, in Provincia di Verona è laureata in filosofia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano è specializzata in teologia e in lingua e letteratura spagnola. E’ giornalista professionista ed appartiene alla Congregazione delle Figlie di San Paolo. Da ventitré anni è giornalista collaboratrice della Rai dove è autrice e conduttrice del programma televisivo “Cristianità” di Rai International. All’incontro di martedì sera, introdotto brevemente dal parroco don Andrea Crevola, era presente il Vescovo Roberto Farinella, il sindaco di Ponderano Roberto Locca, quello di Biella Claudio Corradino e il Prefetto Franca Tancredi. Il parroco ha rivolto un ringraziamento particolare anche al consigliere comunale di Biella Gianni Ferrari e a Franco Di Braccio per essere stati facilitatori dell’incontro. Nei suoi saluti a Suor Myriam il Vescovo ha evidenziato come in lei viva costantemente l’importanza del servizio religioso che, nella sua missione specifica di giornalista, diviene “comunicare e creare, al tempo, stesso comunione”. Sua Eccellenza ha donato a Suor Myriam una raffigurazione della Madonna d’Oropa, a ricordo della V Centenaria Incoronazione. Ha poi preso la parola Suor Myriam, presentando la propria vita di religiosa e di giornalista; vita che, per un lungo tratto, è andata di pari passi con quella di San Giovanni Paolo II, che ha avuto il privilegio di conoscere da vicino nel suo apostolato e nei suoi viaggi. Lo ha definito “profeta della comunicazione” ; comunicazione autentica, guidata dallo Spirito di Dio e non certo enfatizzatrice delle emozioni come quella che pervade il mondo dei mass-media finalizzata a intrattenere, ma non ad approfondire. “La vera forza comunicativa” ha detto Suor Myriam “è legata all’interiorità. Quando nel mio programma mi rivolgo agli italiani nel mondo, so che possono ascoltarmi da cinquanta agli ottanta milioni di persone ed avverto il peso di tutta la mia grande responsabilità nel far ciò. E so anche che devo puntare non a creare un’ effimera emozione, ma è al loro cuore  e alla loro coscienza che devo rivolgermi affinché passi il messaggio di fede come collaboratrice dello zelo sacerdotale”. Suor Myriam ha narrato numerosi episodi della vita di San Giovanni Paolo II che ne rivelano la presenza costante di vera speranza e fiducia in Dio e la sua dedizione impareggiabile alla Madonna. “I santi come Giovanni Paolo II sono come un  ponte tra Dio e gli uomini” ha ribadito Suor Myriam “e noi dobbiamo pregare affinché Dio ci conceda dei santi come lui, perché è attraverso loro che si rivela l’identità dei cristiani e la loro presenza nel mondo. L’ho visto portare sulle sue spalle la preoccupazione dei mali del mondo, ma non l’ho mai visto disperato. La costanza, l’intensità e il tempo dedicato alla preghiera lungamente, anche nelle ore notturne, mi hanno rivelato la sua santità, la sua vicinanza con Dio. Ogni sua parola, ogni suo gesto, come stringere la mano o abbracciare i lebbrosi, baciare la terra in cui era in visita, mi ha rivelato che noi siamo già nel tempo di Dio che è senza tempo. Noi” ha proseguito Suor Myriam “ abbiamo bisogno di ricordare la grandezza su cui siamo seduti, come nani sulle spalle di giganti, abbiamo bisogno di un “altro” accanto a noi e di un “oltre”. Per questo essere nella Chiesa e non esserci non è la stessa cosa. Essere nella chiesa ci conduce nella dimensione di Cristo ed una vita di virtù alla comunione con lui e alla santità”.Al termine dell’incontro il parroco, nel ringraziare Suor Myriam, le ha donato un libro su Ponderano ed una raffigurazione della chiesa parrocchiale. E’ intervenuto brevemente Gianni Ferrari che ha reso nota la generosità di Suor Myriam nel voler donare parte dei proventi per la vendita del libro, nella sua serata di presentazione, all’oratorio di Ponderano.